Giocare: il lavoro dei bambini per la loro crescita fisica e cerebrale

Giocare: il lavoro dei bambini per la loro crescita fisica e cerebrale

Come diceva Maria Montessori, il gioco è il lavoro dei bambini. Il bimbo da a questa attività impegno, importanza, serietà che è fondamentale per acquisire competenze e abilità sia motorie e mentali.


Il gioco di infilare in un'asta verticale degli anelli colorati, non è altro che un lavoro per lo sviluppo della coordinazione vista-mani. Una volta perfezionato questo movimento, il bambino passerà poi a ordinare gli anelli da quello più grande al più piccolo.
Anche il gioco delle bambole è molto educativo. Vestirle, farle il bagno, giocarci portano allo sviluppo dell'empatia e dell'autonomia verso se stessi.
Nei bambini più piccoli invece, spostare diversi oggetti da una parte all'altra è per il bimbo un allenamento di gestire l'ambiente a seconda del suo volere.

È importantissimo quindi rispettare il “lavoro” dei bambini.
Non dategli fretta e lasciate terminare l'attività al bimbo prima di portarlo via dai suoi giochi.
Non arrabbiatevi se non viene subito a tavola a mangiare e mantenete la calma, parlategli con un tono di voce tranquillo, dategli tempo, spazio e indipendenza organizzativa... insomma, rispettatelo!
Come capire se nostro figlio è al lavoro? Osservatelo. Se è rilassato, serio, concentrato allora quasi certamente sta lavorando. Se invece notate un modo di giocare disordinato, distratto e un po' aggressivo dovete aiutarlo a capire quale attività sia più educativa e costruttiva per lui, proponendogli anche un'altra occupazione.

Tra gioco e apprendimento c'è quindi una grossa connessione.
I primissimi tentativi sensoriali di un bebè sono in grado di dare il via allo sviluppo di alcune zone del cervello che saranno poi capaci di consentire il linguaggio e il pensiero.
Il gioco è fondamentale sia per lo sviluppo delle funzioni conoscitive e sia per assimilare strategie, concetti e conoscenze in maniera facile. Anche le strutture nervose vengono sviluppate dal neonato grazie al gioco e consentono il potenziamento di sentimento etici come il senso di colpa, la generosità e l'amicizia.
Molti studi dimostrano che i giochi motori sono in grado di di potenziare la memoria, la comprensione e l'attenzione dei bimbi. In pratica, l'abilità di concentramento nei bambini con un deficit di attenzione ha un incremento dopo esercizi fisici fondati sul controllo motorio.

C'è da dire che il gioco non è solo capace di sviluppare apprendimento e capacità, ma anche una funzione emotiva. Il gioco simbolico infatti è in grado di evitare quello piccole delusione che un bimbo può avere, come ad esempio passare l'aspirapolvere in casa, tagliare la verdura o utilizzare il trapano. Grazie al gioco simbolico il bimbo può realizzare qualunque desiderio.

Il gioco è importantissimo per i bambini; è senza fondamentale per l'apprendimento dei propri movimenti e le proprie emozioni.

Clicca ora e previeni e risolvi immediatamente i problemi dei pannolini.